l'opinione

Il premier senza voce e i due alani da guardia

di Bruno Manfellotto