Matteo Salvini come Federico II, ma il Sud rischia l’irrilevanza

di Gianni Spartà