«Parlavamo dell’allenamento
poi ricordo solo il letto d’ospedale»