Grande rugby a Padova: «Pronti a reggere la furia Springboks»

di Simone Varroto

Presentato il test match del 22 novembre a Padova «Il Sudafrica vorrà la vendetta del ko di Firenze»

PADOVA. Per tener testa alla furia degli Springboks, assetati di vendetta, ci vorranno la migliore Italia e tutta la spinta del pubblico dell'Euganeo.

Il Veneto si prepara a tornare al centro della scena ovale. Sabato 25 novembre a Padova gli azzurri di Conor O'Shea ritroveranno sul loro cammino il Sudafrica, tra le massime potenze del rugby mondiale, battuto per la prima volta proprio un anno fa a Firenze per 20-18. Fu una giornata magica per la nostra Nazionale, che una settimana dopo però, proprio allo stadio Euganeo, si fece sorprendere dagli estrosi ma non certo irresistibili tongani. E proprio da quell'altalena di emozioni è voluto partire Tommaso Benvenuti, 45 presenze in maglia azzurra, centro del Benetton Treviso e volto della campagna marketing per il test match, presentato ieri a palazzo Moroni, sede comunale patavina.

«Sudafrica e Padova per me sono collegate a quella settimana incredibile dello scorso novembre, con la gioia per la prima vittoria sul Sudafrica seguita dalla delusione provata qui con Tonga», ha sottolineato Benvenuti. «Giocare in Veneto è sempre un'emozione particolare perché da queste parti il rugby è molto amato. Avremo bisogno del sostegno del pubblico dell'Euganeo perché il Sudafrica vorrà sicuramente rifarsi. D'altra parte, ci giocheremo le nostre carte: loro sono in fase di ripartenza, noi di crescita».

Proprio della crescita del movimento si è parlato con il presidente federale Alfredo Gavazzi, accolto dal sindaco Sergio Giordani e dall'assessore allo sport Diego Bonavina, due calciofili (Bonavina con un passato da calciatore professionista, Giordani da ex presidente del Calcio Padova in A), che non hanno nascosto la loro stima nei confronti del rugby.

Il presidente della Fir ha annunciato l'inserimento di forze fresche nel gruppo azzurro in occasione dei tre test match di novembre targati Credit Agricole Cariparma (al decimo anno da sponsor) in programma l'11 novembre a Catania (con Figi), il 18 a Firenze (con l'Argentina) e il 25 appunto a Padova. «Torniamo per la terza volta nel corso del mio mandato a Padova, una delle città simbolo del rugby nel nostro Paese, e ringrazio l'amministrazione comunale per il prezioso supporto», ha osservato Gavazzi. «Dobbiamo guardare al futuro, puntando a migliorare le qualità atletiche e individuali dei nostri ragazzi, in sinergia con Benetton e Zebre, i nostri club di Pro 14, e siamo certi che il ct O'Shea e il suo staff siano le figure più indicate per guidarci in questo percorso di crescita».

Sarà la seconda volta in pochi anni per il Sudafrica a Padova, dove nel 2014 gli azzurri furono battuti 6-22. Come allora la città del Santo vivrà una settimana di fervore ovale in vista del test match, con iniziative per promuovere l'evento, coinvolgimento dei club locali ed eventi speciali per le scuole nelle piazze del centro storico. La Nazionale italiana arriverà a Padova domenica 19 novembre, alloggiando all'hotel Nh Mantegna, e si allenerà agli impianti del Petrarca. I biglietti della partita (da 17 a 50 euro interi, da 13 a 40 euro ridotti) possono essere già acquistati nei punti vendita TicketOne e tramite il sito www.ticketone.it.