Vettel non cede «Una chance? Me la gioco»

Il tedesco della Ferrari a 34 punti da Hamilton «Il cambio è okay, qui a Suzuka darò battaglia»

SUZUKA (Giappone). «Ho ancora un’opportunità e voglio essere sicuro di sfruttarla». Sepang ormai fa parte del passato di Sebastian Vettel. Il futuro, almeno quello immediato, sono le prossime cinque gare, che assegneranno il mondiale di Formula 1. Ed il campione tedesco pretende di giocarsi al meglio le chance concessegli dai 34 punti che lo separano da Lewis Hamilton.

«Siamo dietro, quindi dobbiamo fare più punti della Mercedes. Come non importa. Il modo migliore sarebbe vincendole tutte». La super rimonta in Malesia ha portato il ferrarista dall’ultimo posto al quarto. È servita a limitare i danni, con il contributo di Max Verstappen che ha tolto il successo ad Hamilton. Ma gli ha pure lasciato l’amaro in bocca per non essere nemmeno salito sul podio, nonostante una macchina velocissima. «Se a Singapore e Sepang non abbiamo vinto, non è stato un problema di performance».

Hamilton, da parte sua, almeno a parole non sembra voler fare calcoli in Giappone. «Non voglio arrivare secondo né a Suzuka, né nei GP successivi» assicura il pilota Mercedes «ma vincere sempre e farlo in maniera convincente, anche se so che sarà difficile. Se guardiamo alla stagione abbiamo fatto più pole di tutti e siamo in testa sia nella classifica piloti che in quella costruttori. Siamo ancora il miglior team». Eppure i problemi non sono mancati nella scuderia anglo-tedesca. Ed Hamilton non se lo nasconde: «Mi trovo nella situazione di non sapere quale scelta migliore sia da compiere, da che parte andare per evitare i problemi incontrati a Singapore o in Malesia. A Sepang, per esempio, si vedeva che ero indietro e poi, all’improvviso, mi sono ritrovato davanti a tutti senza nemmeno sapere come». Anche per questo la Mercedes non ha ancora deciso se utilizzare l’ultimo aggiornamento del pacchetto aerodinamico, provato da entrambi i piloti nelle libere in Malesia, prima che Hamilton tornasse alla precedente versione, ottenendo la pole.

«Abbiamo analizzato i problemi riscontrati sulle nostre macchine» è di nuovo Vettel a parlare «e penso che sia abbastanza chiara la situazione, ma il processo è ancora in atto in modo da avere un quadro completo. Siamo contenti, intanto, di sapere che il cambio dovrebbe essere a posto, dopo l’incidente avuto a Sepang durante il giro di rientro. Aspettiamo di metterlo in macchina per aver la certezza».

Quanto alla gara di domenica, «negli ultimi due anni in Giappone non siamo stati abbastanza competitivi, ma quest’anno potrebbe essere diverso. Tutto può succedere, ma sono convinto che abbiamo un buon pacchetto». Un problema tecnico sulla sua Ferrari in Malesia ha impedito a Raikkonen di prendere il via, vanificando il secondo posto in griglia. «È stato fatto un gran lavoro per capire cosa aveva ceduto» assicura il pilota finlandese «vedremo se basterà per essere primo e secondo. Le tre squadre top sono molto vicine tra di loro. Bisogna fare tutto alla perfezione».